Mostra Multisense Discovery

La mostra “Multisense Discovery” alla Galleria Civica di Bolzano sarà aperta gratuitamente al pubblico dal 5 aprile al 29 maggio, tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

L’esposizione propone un innovativo percorso di avvicinamento interculturale, in cui alcuni rappresentanti delle comunità cinese, indiana, iraniana e bosniaca dell’Alto Adige aprono uno spiraglio sui propri paesi d’origine, presentando sensazioni, memorie e passioni anche personali, usando la molteplicità dei sensi. Lo spettatore sarà invitato ad interagire con gli oggetti, gli odori, i suoni e le immagini proposte, vagando da un paese all’altro senza meta o informazione precisa, semplicemente lasciandosi guidare dai propri sensi, dalle proprie preferenze e curiosità. Non è necessario capire tutto, basta accogliere le nuove sensazioni, cercando di spogliarsi di ogni preconcetto per ampliare il più possibile le proprie capacità sensoriali.

Tutti noi da neonati eravamo in grado di cogliere un’infinita gamma di suoni, colori, odori, gusti, sensazioni tattili, che nel corso della vita sono stati poi ridotti e selezionati dal nostro contesto culturale, classificandoli come buoni o cattivi, accettabili o non. Il percorso multisensoriale spinge lo spettatore ad abbandonare per un breve lasso di tempo i propri criteri di valutazione abitudinari, per immergersi completamente e incondizionatamente in quelli altrui, passando per una sorta di stadio infantile, in cui nulla è estraneo e tutto diventa percepibile e stimolante.

Nella seconda parte della mostra, gli stessi partecipanti al progetto spiegheranno le loro scelte e sensazioni personali, commentando gli oggetti e le sollecitazioni multisensoriali presentate. Munito di un opuscolo informativo, il visitatore potrà ripercorrere l’esposizione cercando di rivivere le precedenti esperienze con uno spirito diverso, arricchito del sapere altrui. Oltrepassare il proprio raggio percettivo per immergersi in uno nuovo aiuterà a scoprire un punto d’incontro che accomuna tutti i popoli: il mondo sensoriale, infinito e spesso inesplorato.