Multisense Discovery

Sentirsi più vicini!

Vi siete mai chiesti perché esistano delle diffidenze verso persone di culture diverse, nonostante esse vivano al nostro fianco anche da parecchio tempo?

L’idea di questo percorso multi-sensoriale parte dalla convinzione che alcune di queste diffidenze e paure siano legate a delle semplici incomprensioni linguistiche che ci impediscono di cogliere i gesti e significati altrui, ma che possono essere diminuite attraverso un dialogo alternativo, in grado di sollecitare tutti i sensi e creare curiosità ed emozioni che vanno ben oltre la parola. Più impariamo a conoscere odori, gusti, gesti, rumori e immagini di altri paesi, e più avremo la possibilità di comunicare con chi vi fa riferimento, diminuendo i fraintendimenti e le perplessità legate alle lingue. Lasciarsi andare a nuove esperienze e sensazioni, farsi guidare dai propri sensi permetterà non solo di scoprire mondi diversi, ma anche di percepire il proprio in modo completamente nuovo.

Questo sito si affianca ad una mostra vera e propria, sempre intitolata “Multisense Discovery”, aperta dal 5 aprile al 29 maggio tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15 alle 18 nella Galleria Civica di Bolzano, in Piazza Domenicani 18. I ricordi e le sensazioni dei propri orizzonti culturali e percorsi integrativi saranno direttamente raccontati da alcuni rappresentanti provenienti da quattro comunità straniere residenti in Alto Adige: CINA - INDIA - IRAN – BOSNIA. Gli spettatori della mostra saranno sollecitati ad interagire con gli oggetti prescelti dai rappresentanti, toccandoli e annusandoli, lasciandosi trasportare dalle immagini e dai suoni, abbandonandosi a nuove sensazioni per scoprire ciò che li circonda con tutti i sensi. Non vi è alcuna pretesa di rappresentazione esaustiva di un paese, né d’interpretazione univoca, ma vi è semplicemente il desiderio di raccontare la storia, le passioni e le memorie personali di chi è arrivato da lontano e ormai da tempo è parte integrante del nostro territorio.

La piattaforma online permette a chiunque di proporre i propri oggetti, suoni, video, immagini o testi legati ai quattro paesi scelti per l’edizione di quest’anno: CINA – INDIA - IRAN - BOSNIA. Fianco a fianco, i cittadini autoctoni e quelli acquisiti potranno suggerire i propri punti di vista, commentare quelli altrui e condividere uno spazio comunicativo non solo verbale.

Nelle serate di approfondimento organizzate nella Galleria Civica ogni due mercoledì (10 aprile: Cina, 24 aprile: Iran, 8 maggio: Bosnia, 22 maggio: India), si potranno incontrare i rappresentanti delle diverse comunità, per dialogare con loro in modo libero e informale, per scoprire le motivazioni che li hanno spinti ad emigrare, le modalità d’integrazione della comunità e della persona, così come le difficoltà e i benefici incontrati nel paese d’accoglienza. Il percorso multisensoriale aiuterà i partecipanti a cogliere meglio i mondi nascosti dietro alle parole di chi racconta, avvicinando persone e realtà diverse.

Dopo la mostra il sito continuerà ad esistere e raccogliere contenuti. Alcune associazioni locali che lavorano con le comunità straniere saranno invitate a partecipare alla creazione dell’edizione successiva nell’intento di continuare a promuovere un dialogo interculturale e multisensoriale. Il progetto difatti vuole sollecitare i cittadini a promuovere una maggiore comprensione e una migliore convivenza tra le varie comunità residenti in Alto Adige, ma anche ad utilizzare i canali virtuali per creare degli spazi di scambio universali che uniscano paesi e culture oltre i confini regionali.